Sei qui:  / Articoli / Interni / L’Europa del lavoro in bici

L’Europa del lavoro in bici

 

Oliviero Bonfanti ha già percorso più di 6.500 chilometri in bicicletta in Europa, partendo il 1° giugno da Bergamo e facendo oggi tappa a Torino. Con un obiettivo: celebrare il lavoro, in tutte le sue forme, e ricordare le grandi tragedie che hanno colpito i lavoratori.

Una delle recenti tappe del suo tour, che ha toccato anche Austria, Olanda, Gran Bretagna, Francia e Svizzera, è stata infatti in Belgio, aMarcinelle, dove l’8 agosto 1956 sono morti 262 minatori, tra cui 136 italiani. Oggi a Torino, in corso Regina Margherita 400, davanti all’ex acciaieria ThyssenKrupp, dove morirono sette operai nel rogo del 6 dicembre 2007, Bonfanti ha voluto incontrare Massimiliano Quirico, il direttore della rivista Sicurezza e Lavoro, che da tempo si occupa di promuovere la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro in Italia, e un ex operaio dello stabilimento, Pino Morese.
È stata un’occasione per ripercorrere la storia dell’acciaieria, della tragedia e del conseguente processo, conclusosi in primo grado con la sentenza del 15 aprile 2011 che ha condannato i vertici della multinazionale (l’inizio dell’appello è previsto in autunno).

“Vi ringrazio per il vostro impegno, ma non ho parole, non riesco a dire nulla di fronte al luogo di questa tragedia – ha dichiarato Bonfanti – È un evento così grande, che ha segnato la storia della cultura italiana, speriamo anche in positivo. Speriamo che da qui si possa ripartire per arrivare a una cultura del lavoro diversa. Sogno che un giorno gli stessi onori tributati ai militari italiani morti per la patria vengano resi anche a chi è morto sul lavoro: di fatto, è per il bene comune che si lavora”.

Stasera, o al massimo domattina, Bonfanti sarà a Casale Monferrato(Alessandria), per rendere omaggio alle vittime dell’amianto prodotto dalla Eternit. Quindi proseguirà verso le terre emiliane colpite dal terremoto, per poi concludere il viaggio intorno al 15 agosto a San Giorgio, frazione di Brunico (Bolzano), nella ex segheria dove lavorò suo padre. I chilometri percorsi saranno più di 7.000. Ha attraversato pianure, foreste, salite impegnative e ripide discese, è caduto due volte e ha forato tre volte, ma ha incontrato “tante persone meravigliose, disponibili e pronte ad aiutare il prossimo”. Ha fotografato e condiviso il lavoro di moltissime persone: con uno spazzino ha pulito i cortili del Louvre a Parigi, ha aiutato operai polacchi a costruire tetti di legno e paglia in Olanda, ha salutato i minatori del Galles, ecc.

Bonfanti non è nuovo a imprese del genere: lo scorso anno ha percorso con la sua bici Bianchi più di 12.000 chilometri, attraversando la Cina lungo la Via della Seta, per un viaggio ispirato al tema dell’infanzia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE