Sei qui:  / Blog / Francia al voto senza grandi leader, Sarkozy intanto perde colpi

Francia al voto senza grandi leader, Sarkozy intanto perde colpi

 

Di Boris
Domenica si svolgerà il primo turno delle elezioni presidenziali francesi, i due candidati – Nicolas Sarkozy per la destra e Francois Holland per il partito socialista – non entusiasmano. La politica europea non sembra più in grado di produrre grandi leader, divisa com’è fra una governabilità un po’ grigia e tutto sommato passiva rispetto all’azione dei mercati, e un populismo di volta in volta nazionalista, più o meno xenofobo, capace di grandi promesse e di pochi fatti. Vorremmo essere smentiti nelle prossime ore e nei prossimi giorni dalla Francia, vedremo. Per ora la sola Angela Merkel sembra possedere ancora la statura di una leder europea, a prescindere naturalmente dal giudizio sulle politiche tedesche di questi anni dominate, anche troppo, dal mito della locomotiva tedesca, della centralità tedesca, che pure è un fatto determinante in Europa ma evidentemente non l’unico se parliamo di Unione.

David Cameron non ha rinverdito i fasti di una Thatcher o di un Blair, la Gran Bretagna è silenziosa. La Spagna ha gestito una prevedibile alternanza fra la fine di Zapatero e il nuovo avvento dei Popolari di Mariano Rajoy già invisi all’opinione pubblica per le dure politiche sociali messe in campo. Time, dopo la caduta di B., ha dedicato la copertina a Mario Monti con un titolo che suonava più o meno così: potrà quest’uomo salvare l’Europa? Forse abbiamo evitato il baratro, un momento prima siamo riusciti a fermarci. Ma ricostruire la politica, le identità culturali, l’Unione dei diritti, sono sfide ancora non raccolte da personalità e forze politiche.

Infine i sondaggi: il socialista Hollande viene dato in leggero vantaggio al primo turno, 29% contro il 27% di Sarkozy, secondo altri i due sono appaiati al 27%. Al secondo turno Hollande dovrebbe uscire vincitore. Ma certo alle loro spalle spuntano due figure che lasciano perplessi: Marine Le Pen e Jean-Luc Mélenchon, l’estrema destra e la sinistra radicale accreditati del 16 e 14%. I due certo non sono uguali, il neofascismo lepenista è fra le cose peggiori e più nefaste d’Europa. Eppure i partiti, le loro forme storiche, non sembrano avere ancora trovato la strada per ridare forza e speranza alle democrazie del vecchio continente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE