Erdogan-Von der Leyen, giusto il clamore e la protesta, ma dalla vicenda esala un puzzo d’ipocrisia

0 0

Affronto, umiliazione, scortesia: la poltrona negata dal Presidente turco alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen ha suscitato profonda indignazione, per la plateale manifestazione di svalutazione femminile che ha dato. Con l’aggravante del “collega” Charles Michel, Presidente del Consiglio Europeo, che non ha mosso un dito per ovviare alla disparità di trattamento. Giusto il clamore e la protesta, ma dalla vicenda esala un puzzo d’ipocrisia nauseabondo. Noi quella disparità la tolleriamo in casa, professando una religione che tiene a indebita distanza le donne dagli altari.

Parlo della religione cattolica, che impedisce alle donne di diventare ministre di culto, perpetrando  una discriminazione secolare che ormai non ha neanche più l’attenuante del contesto culturale avverso al femminile, presente quando questa preclusione si affermò. Altro che mancanza di una sedia. Qui siamo alla negazione della dignità di tutti gli uomini di chiesa nei confronti delle donne consacrate, ritenute non uguali a loro per celebrare messa. Uno scandalo a bassa intensità che si consuma ogni domenica, in ogni chiesa. Ma non fa rumore, imbozzolato in una spessa coltre di ipocrisia, pronta però a liberarsi per la disparità di genere degli altri.

One thought on “Erdogan-Von der Leyen, giusto il clamore e la protesta, ma dalla vicenda esala un puzzo d’ipocrisia

  1. Tirare in ballo la fede cattolica dov’è non c’entra nulla e’ un altro tentativo di affossarla. Nessuna donna cattolica , animata e persa dall’Amore di un Dio che l’ha creata più fragile esternamente ma più profonda nei sentimenti perché fosse in grado di accogliere la vita nel suo corpo si sente ‘offesa’ dall’esclusione a celebrare i Sacramenti….semmai accetta con Amore che Dio l’abbia ‘preservata’ anche da questa responsabilità e possa riconoscere nel Parroco o nel Papa il ‘Padre’, Dio stesso. Parliamo di ‘Fede’ E non di diritti civili, che solo un’altra cosa. I diritti civili possono capirli tutti la fede solo chi è immerso in questa…Non tirateci in ballo dove non centriamo , solo per perseguire L’affermazione di diritti che sono inalienabili per una donna, come quella di far carriera in politica e di essere riconosciuta anche dai colleghi maschi…..Un gesto ‘maschile’ e ‘ virile’ di Michel , Di galanteria e cavalleria avrebbe risolto il problema. Il vero problema… Evidentemente anche lui approfittato della situazione per sentirsi superiore alla Von der Layen. La responsabilità di certi sgarbi è sempre maschile…… da qualunque nazionalità arrivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.