Processo Rocchelli, Fnsi e Alg: «Continuare a cercare verità e giustizia»

0 0

«Dal momento che l’unico imputato è stato assolto è facile dedurre che gli assassini di Andrea Rocchelli siano ancora in libertà. Dunque il nostro impegno a continuare a essere parte civile al fianco della famiglia Rocchelli non solo non cessa, ma raddoppierà fino a quando non saranno fatte verità e giustizia. Per quanto ci riguarda, la richiesta di verità e giustizia per Andy Rocchelli e Andrej Mironov, come per ogni altro cronista finito nel mirino, non sarà mai archiviata né nei tribunali né nelle coscienze». Lo affermano, in una nota, la Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti, che si erano costituite parte civile al processo di appello per l’omicidio del fotoreporter pavese.

«Ci auguriamo – aggiungono – che dopo questa sentenza cessino le ingiurie arrivate dall’Ucraina e non solo contro Andy e la sua famiglia. E rivolgiamo, infine, un ringraziamento agli avvocati dello studio Pisapia che hanno assistito il sindacato dei giornalisti in questo processo e ai quali chiederemo di essere ancora con noi in qualunque iniziativa sarà decisa dalla famiglia Rocchelli».


Iscriviti alla Newsletter di Articolo21