Sei qui:  / Articoli / Non possiamo lasciare sola la famiglia Regeni. #Scortamediatica non si ferma

Non possiamo lasciare sola la famiglia Regeni. #Scortamediatica non si ferma

 

Non possiamo lasciare soli Paolo e Claudia Regeni, i genitori di Giulio, che da oltre quattro anni chiedono verità e giustizia sulla scomparsa del figlio. Chiedono verità e giustizia e sono stanchi. La notizia della vendita di due navi della Marina Militare all’Egitto ha il sapore del tradimento per la famiglia Regeni. A loro avevamo promesso la scorta mediatica, avevamo assicurato l’impegno di Articolo 21 nel sostenerli
nel tortuoso percorso verso la ricerca della verità. Ora il silenzio su Giulio è accompagnato da un’iniziativa del Governo che ha il sapore del tradimento, come dicono i coniugi Regeni. Un tradimento per tutti gli italiani, per quelli che credono nella giustizia e nella inviolabilità
dei diritti. Sono passati più di quattro anni. Il tempo è scaduto. Il contratto per la fornitura militare a un regime totalitario è una violazione a un principio fondamentale della democrazia. Saremo ancora al fianco della famiglia Regeni, in ogni iniziativa che abbia come obiettivo la ricerca della giustizia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE