Sei qui:  / Culture / Teatro / Il teatro di Roma va in scena sul web. Dal progetto oceano indiano nasce “radio India”

Il teatro di Roma va in scena sul web. Dal progetto oceano indiano nasce “radio India”

 

Settimana digital per il  Teatro di Roma che prende vita da venerdì 3 aprile. Radio India, stazione radiofonica giornaliera, ideata dalle cinque compagnie di Oceano Indiano residenti al Teatro India – Fabio Condemi, Industria Indipendente, mk, Muta Imago, alle quali si aggiunge per l’occasione la collaborazione di Daria Deflorian. Una striscia radiofonica live, con un palinsesto quotidiano, tutti i giorni dalle ore 17 alle ore 20, in diretta streaming su www.spreaker.it e fruibile anche in podcast su www.spreaker.com, spotify e sui canali online del Teatro di Roma.

Un’esplorazione sperimentale nata da Oceano Indiano, il progetto di residenza e di produzione del Teatro di Roma che, cogliendo l’occasione di questi giorni di distanza e silenzio nei teatri, ripensa nuove forme creative per riconvertire la ricerca artistica e avviare opportunità alternative di lavoro. Radio India emerge dalla tessitura di pensiero e di azioni già prevista nella progettazione delle attività di Oceano Indiano; questo tempo emergenziale ne accelera l’attivazione e la portata creativa, intercettando diverse correnti di immaginazione, ipotesi di lavoro e modalità di incontro con il pubblico. Un ‘atteggiamento’ radiofonico che viene ereditato come patrimonio artistico e sarà rimodellato per adattarsi alla complessità della prossima stagione.

Radio India trasmette tutti i pomeriggi con formati intimi o più aperti, declinati attraverso rubriche quotidiane, invitando anche voci e figure che hanno attraversato il cartellone del Teatro India, nel desiderio di accendere un tempo di condivisione in cui ampliare il commento e l’approfondimento dei giorni presenti con l’immaginazione di mondi possibili.

Si inizia tutti i giorni (dalle 17 alle 17.10) con Muta Imago e la rubrica 4:33, che propone a un gruppo di persone la registrazione audio del brano di John Cage (titolo del programma); ogni ascolto è introdotto da un frammento di Silenzio di Cage; con Sparizioni, ogni venerdì (dalle 18.30 alle 19.10), si indagano concetti di sparizione e di evasione, a partire dalle registrazioni in hi-fi di ambienti dove l’essere umano non può vivere.

Michele Di Stefano con Vancouver, ogni lunedì (dalle 17.10 alle 18.10), offre una playlist tematica (itinerari di viaggio, musiche per la scena) affiancata da testi e divagazioni; con Record, ogni giovedì (dalle 17.10 alle 17.40), interviste ad artisti su ipotetici nuovi dischi, di cui raccontano creazione, copertina, brani.

Industria Indipendente ci porta Dentro la Kamera speculativa, ogni giovedì (dalle 18 alle 20), con contributi artistici, paesaggi sonori e testi in musica-live; con Superorganismo, ogni sabato (dalle 18 alle 21), due ore di musica per danzare-non danzare sfrenatamente, voci d’archivio, appunti sparsi; ogni mercoledì (dalle 18.30 alle 19), in collaborazione con lacasadargilla, va in onda Gruppo 2020, in cui la fantascienza rielabora la fantascienza attraverso le parole d’invenzione di un gruppo di giovani ragazzi.

DOM- e Arianna Lodeserto con Nausicaä. Vivere tra le rovine, ogni mercoledì (dalle 17 alle 18), regalano approfondimenti, set musicali, audiopaesaggi, conversazioni con scienziati e ricercatori, per parlare di ecologia, micologia, botanica, politica e assemblaggi tra arti, scienza e attivismi.

Fabio Condemi con Specie di spazi, ogni martedì (dalle 17.10 alle 18.10), offre testi, lezioni, suoni, interviste, incontri per interrogarsi su cosa siano gli spazi.

 

Gli artisti di Oceano Indiano con Guernica, ogni lunedì (dalle 18.10 alle 18.20), riproducono una pillola audio di 10 minuti su quanto trasmesso durante la settimana precedente; mentre Dedica, ogni venerdì (dalle 19 alle 19.30), diventa un tempo in cui dedicare canzoni.

Daria Deflorian con Persone, ogni venerdì (dalle 17.10 alle 17.50), intervista una persona conosciuta, amica, compagna di lavoro o altro che sarà possibile conoscere meglio attraverso una lunga chiacchierata.

Matteo Angius e Riccardo Festa con Tutt* nell* Stess* Cas*, ogni sabato (dalle 17.20 alle 18), propongono conversazioni in forma di radiodrammi, musica, pagine lette, per raccontare la situazione attuale, immaginandola come condizione quotidiana.

Pescheria ci immerge in Bagni di suono ogni domenica (dalle 17.10 alle 20), una palestra libera della musica in un ciclo di ascolti sonori e collettivi.

Inoltre, il palinsesto giornaliero si arricchisce con contenuti Extra, ogni martedì (alle 18.30), un’ora condotta da persone sempre diverse, e da selezioni musicali a cura di Oceano Indiano.

 

 

 

Radio India in streaming su www.spreaker.it

Facebook: @teatroargentinaroma @teatroindia @teatrovillatorlonia

Instagram: teatrodiroma
YouTube: Teatro di Roma

Sito web: www.teatrodiroma.net

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.