Sei qui:  / Articoli / Esteri / Articolo 21 e altre 9 organizzazioni internazionali: bene inizio processo Kuciak

Articolo 21 e altre 9 organizzazioni internazionali: bene inizio processo Kuciak

 


I gruppi per la libertà di stampa accolgono con favore l’inizio del processo per l’omicidio di Kuciak

I sottoscritti gruppi di giornalisti e di libertà di stampa internazionali e regionali accolgono con favore l’inizio del processo per omicidio questa settimana contro i presunti assassini del giornalista slovacca Ján Kuciak e della fidanzata, Martina Kušnírová.
Gli imputati davanti al Tribunale penale di Pezinok, in Slovacchia, sono l’imprenditore slovacco Marian Kočner, che secondo i procuratori ha ordinato l’omicidio di Kuciak come rappresaglia per il suo lavoro giornalistico, la collaboratrice di Kočner, Alena Zsuzsová, accusata di aver organizzato l’omicidio tramite un intermediario, Zoltán Andruskó, che a sua volta ha contattato due sicari, i cugini Tomáš Szabó e Miroslav Marček.
Andruskó aveva precedentemente ammesso la sua colpevolezza in un altro processo ed è stato condannato a 15 anni di carcere lo scorso dicembre. Martedì ha testimoniato in tribunale contro Kočner e Zsuzsová, affermando che Zsuzsová gli ha fornito un dettagliato fascicolo di sorveglianza su Kuciak per conto di Kočner e ha chiesto che il giornalista venisse ucciso e che il suo corpo fosse stato eliminato senza lasciare traccia.
Kuciak e Kušnírová sono stati assassinati nella loro casa a Veľká Mača il 21 febbraio 2018. Lunedì Marček si è dichiarato colpevole, descrivendo alla corte come dopo aver bussato alla porta di Kuciak, aveva sparato al giornalista sul petto e poi inseguito Kušnírova in cucina per spararle in testa.
Gli omicidi hanno scosso la società slovacca, provocando le più grandi proteste dopo la Rivoluzione di velluto.
Le organizzazioni sottoscritte ritengono che l’inizio del processo costituisca un passo importante verso la garanzia della giustizia per Ján e Martina e per le loro famiglie, che hanno subito una perdita profonda e insostituibile. Siamo solidali con loro.
L’uccisione di due persone per impedire la diffusione di notizie è un atto disgustoso e inaccettabile. È imperativo che tutti coloro che hanno avuto un ruolo in questo crimine ricevano una punizione esemplare. Il sistema giudiziario slovacco deve garantire che l’impunità non possa ottenere alcun punto d’appoggio e si dimostri che nessuno è al di sopra della legge.
Sottolineiamo inoltre la necessità di agire oltre questo processo penale. Le autorità slovacche devono indagare e prendere provvedimenti per contrastare le condizioni che hanno permesso l’omicidio e introdurre misure efficaci per prevenire la violenza contro i giornalisti in futuro. Le autorità devono inoltre indagare a fondo su tutti gli attacchi alla stampa, compresa la massiccia sorveglianza illegale di numerosi giornalisti presumibilmente condotti per volere di Kočner.
Tutti i gruppi sottoscritti seguiranno da vicino gli sviluppi del procedimento, un riflesso del grande interesse internazionale nel garantire che sia fatta giustizia in questo caso. I rappresentanti dell’International Press Institute (IPI) di Vienna e dell’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) parteciperanno al processo in qualità di osservatori.

ARTICLE 19
Articolo 21
Committee to Protect Journalists
European Centre for Press and Media Freedom (ECPMF)
European Federation of Journalists
International Federation of Journalists (IFJ)
International Press Institute (IPI)
PEN International
Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa
South East Europe Media Organisation (SEEMO), Vienna

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE