Sei qui:  / Articoli / Tutti con Gratteri, manifestazione di solidarietà al giudice davanti la procura di Catanzaro

Tutti con Gratteri, manifestazione di solidarietà al giudice davanti la procura di Catanzaro

 

Dopo la manifestazione del 24 dicembre a Vibo Valentia organizzata da Libera, oggi la solidarietà dei cittadini calabresi a Nicola Gratteri è arrivata sotto il suo ufficio a Catanzaro. Erano circa duemila a manifestargli gratitudine per il suo lavoro contro ndrangheta e massoneria deviata e solidarietà dopo le critiche rivolte alla sua ultima inchiesta da parte della parlamentare del partito democratico, Bruno Bossio, consorte dell’ex consigliere regionale Nicola Adamo indagato nella stessa inchiesta, e dal capo della procura di Catanzaro Otello Lupacchini. Gratteri pur trovandosi all’interno del suo ufficio non si è fatto vedere, ma ha inviato un messaggio letto dal giornalista e scrittore Pino Aprile organizzatore dell’evento.
“La vostra presenza – ha scritto il procuratore – indica sete di giustizia sentita e non gridata o sbandierata. E’ solidarietà testimoniata anche con la presenza fisica. Io l’accolgo e ringrazio perché so che questa presenza è rivolta non tanto a chi è più visibile nei mass media quanto alla nostra squadra che lavora, con competenza e sacrificio, in silenzio e lontano da fotocamere o cineprese, in modo per nulla appariscente e solo con l’intento di fare il proprio dovere. Io senza questa squadra potrei fare ben poco. In Calabria e non solo stiamo vivendo un periodo in cui la gente è disorientata e non sa più a chi rivolgersi e in chi avere fiducia. Auguriamoci che il risveglio delle coscienze, porti tutte le agenzie educative a lavorare con maggiore impegno per promuovere una nuova cultura che abbia il coraggio di denunciare il male e riportare fiducia in tutte le istituzioni”.
Numerosi gli studenti arrivati da tutta la provincia di Catanzaro, così come diversi i sindaci della provincia di Vibo presenti alla manifestazione con i loro gonfaloni. Diversi gli interventi tra i quali quelli di molti testimoni di giustizia che hanno invitato tutti a denunciare i soprusi delle ‘ndrine, Solo così, hanno sottolineato, si riuscirà, come dice Gratteri, a smontare la Calabria come un Lego per farla rinascere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.