Sei qui:  / Opinioni / Il PD torna a sinistra?

Il PD torna a sinistra?

 

Il PD torna a sinistra? Così sembra dagli obiettivi che Zingaretti ha indicato nelle conclusioni della tre giorni di Bologna, in occasione del lancio del nuovo statuto. L’intento è archiviare la ricetta Renzi – meno tasse e tutele, più evasione e debito pubblico – per tornare alla giustizia sociale, fiscale e ai diritti, senza badare ai rischi di fratture di governo. La grande sbandata renziana è finita, giurano: basta con la frequentazione degli squali, si torna in mare aperto dalle sardine.

C’è sollievo nel mondo di sinistra di fronte a questa svolta, ma Zingaretti al massimo può prepararla, difficilmente guidarla. Troppe le ostilità ancora presenti all’interno del partito e troppo poca la forza del Segretario. Che pur impegnandosi ad arringare i presenti con frasi in crescendo e un tono da trascinatore, è apparso tanto volenteroso quanto goffo.
Zingaretti è una persona intelligente, ma troppo prudente. Ci vorrebbe un Landini “di rottura” a capo del partito per riprendere i voti di operai, precari e ceto medio riflessivo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.