Sei qui:  / Articoli / Dopo le polemiche Adriano Palozzi cancella il post contro Ilaria Cucchi. “Su Facebook si viene fraintesi”

Dopo le polemiche Adriano Palozzi cancella il post contro Ilaria Cucchi. “Su Facebook si viene fraintesi”

 

Come hanno già fatto molti improvvidi utenti dei social prima di lui, anche Adriano Palozzi ha cancellato l’orribile post che aveva messo sul suo profilo Facebook e nel quale sosteneva che Ilaria Cucchi voleva “solo far carriera” con la morte del fratello, il quale, in fondo, era “un tossico”.
“Tolgo il post sulla vicenda Cucchi perché ormai su Facebook non è più possibile esprimere una opinione senza essere fraintesi o giudicati. Mi scuso con chi si è sentito offeso non era questo lo scopo!”. Per la verità ciò che aveva postato era estremamente chiaro “….va però ricordato che non parliamo di uno studente modello o di un bravo ragazzo di città bensì di un tossico preso con 20 grammi di hashish e con alcune dosi di cocaina destinate evidentemente allo spaccio e pure abbastanza spocchioso! Per carità nessuno può morire e deve morire di botte ma neanche puo’ passare per vittima o per eroi lui e tantomeno la sorella che sta sfruttando il fratello tossico per il proprio successo”. Subito dopo la pubblicazioni c’erano state innumerevoli polemiche, poiché Stefano Cucchi non è morto a causa della droga, bensì di botte, in quanto fu pestato dopo l’arresto e per questo ci sono appena state condanne ai carabinieri responsabili. Anche su quelle Adriano Palozzi aveva avuto da ridire “…ci sono state condanne (giuste? Bah)”. Adriano Palazzi è consigliere regionale del Lazio di “Cambiamo” , il movimento di Giovanni Toti, e proviene da Forza Italia. Le sue frasi contro Ilaria Cucchi avevano provocato indignazione e critiche anche in ambito politico. Di qui la decisione di togliere il post, scelta che non toglie la vergogna sul contenuto precedente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.