Sei qui:  / Opinioni / Il senso dello Stato di un funzionario

Il senso dello Stato di un funzionario

 

Nell’epoca, infinita e proterva, dei luoghi comuni , delle semplificazioni, del rifiuto di ogni analisi che prolunghi  lo slogan, l’ idea di questa riflessione nasce dalla memoria di un grande italiano , sconosciuto  ai piu’ , Paolo De Ioanna, scomparso pochi giorni fa. Dirigente dell’amministrazione  del Senato, capo di gabinetto di grandi ministri, segretario generale di palazzo Chigi, consigliere di Stato. Per la semplificazione di massa, un burocrate, con tutto quello che di sommariamente spregevole  questo termine reca con se’, in un giudizio sbrigativo e definitivo. Per la semplificazione strumentale, mirata e cinica , del vicepresidente del consiglio pluriministro Luigi Di Maio, un “parassita”,  e basta. E va ancora bene,  che non si aggiunga altro.

Tanto per cominciare,  il concetto di “uomo di Stato” si cuce meglio attorno a Paolo De Ioanna che alla grande parte di quanti dovrebbero aspirare ad esserlo per avere scelto la cura della polis come proprio  impegno. Ecco , sarebbe bello riuscire a spiegare chi era De Ioanna, davvero. Anzitutto la scelta di servire la politica , quella con l’abito di gala delle istituzioni , in luogo di quella che sotto sotto spesso stringe con le burocrazie la piu’ sordida delle relazioni, la complicita’. Di servirla per farla essere al livello della propria , immane responsabilita’. A Paolo , lo scambio tra uso di parte della competenza e favore non si poteva proporre, lo si capiva al volo.    Il vero servitore dello Stato e’quello che  ha il massimo rispetto verso la politica, esaltato dall’orgoglio della propria autonomia. Politici e alti dirigenti lavorano assieme, ma hanno responsabilita’ che non si dovrebbero incrociare, combinare. Niente intese , aiuti reciproci, promesse, la carriera di domani per un favore oggi. Paolo era stimato dagli uomini di Stato, ignorato dalla politica dedita allo scambio, quella  che e’ sempre In campo, anche ai tempi del governo del cambiamento. La competenza -e quella di Paolo era straordinaria, sublime, vasta – puo’ essere spesa per la collettività, o per un interesse privato. Non ha prezzo, ha solo valore: lo diciamo a chi pensa che i grand commis siano faccendieri  in vendita, o in affitto. C’e’ un “gioco” , apparentemente leggero: giudicare i politici dai funzionari di cui si circondano, e i funzionari dai politici con cui si sentono di lavorare . Con Paolo, funziona alla grande, se tra i nomi che escono vi sono quelli di Nino Andreatta , di Tommaso Padoa Schioppa e Carlo Azeglio Ciampi.

montesquieu.tn@gmail. com

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE