Sei qui:  / Blog / Il padre padrone delle notizie e dei silenzi

Il padre padrone delle notizie e dei silenzi

 

di Michele Gambino

La notizia è di qualche settimana fa, e Attilio Bolzoni se n’è già occupato: il Giornale di Sicilia ha tentato di bloccare la fiction su Mario Francese, ucciso dalla mafia nel gennaio del 1979. La vicenda di un giornale che invoca la censura, e per di più sul suo giornalista migliore, può sembrare uno sconcertante paradosso solo a chi non conosce la storia dell’informazione siciliana, tanto carica allo stesso tempo di eroismi e mediocrità da apparire, se volessimo disegnarla, come il crinale di una ripida montagna, alla cui sommità troviamo non solo i giornalisti fatti tacere con la violenza, ma anche i giovani cronisti che nel 2018 – l’era dell’informazione di flusso, delle notizie che vivono e muoiono in un istante, di una stampa sempre più marginale rispetto al mare dei social – continuano a fare paura, e per questo vivono sotto tiro, poiché dire: “due più due fa quattro”, è una cosa che può costarti assai cara a certe latitudini. Mentre alla base del crinale c’è la folta schiera, sedimentata negli anni, dei pavidi e dei conniventi, il cui silenzio è una forma di complicità.
È una storia, questa, non solo palermitana, che parte da lontano. Sono passati quasi quarant’anni da quando Giuseppe Fava insegnò ai giovani cronisti riuniti sotto la sua guida a leggere tra le righe del principale quotidiano catanese, La Sicilia, i messaggi, i segnali, gli avvertimenti che si nascondevano in un titolo, in un  editoriale, nelle pagine della cronaca politica o della nera. E ancor più a leggere ciò che non era scritto, le studiate omissioni che più di tutto segnalavano il peso specifico di questo o quel potente, questo o quel mafioso. Silenzi come cerniere d’impunità  per un sistema di potere mafioso elevato a governo del destino di centinaia di migliaia di esseri umani.
Era un esercizio difficile ma utile quella decrittazione, ci aiutava a vedere la mappa dei vincenti e dei perdenti al grande gioco in una città che, in quegli anni, amava ancora fingere che la mafia esistesse solo altrove, a Palermo, a Trapani, certo non nella solare e ridente “Milano del Sud”, la bella Catania.
Certo non poteva sapere Giuseppe Fava, che presto quel modo omissivo e insinuante di scrivere avrebbe riguardato, su La Sicilia, le notizie sul suo stesso delitto. E certo non avrebbe nemmeno sognato di pensare che a scrivere quegli articoli vergognosi sarebbero stati alcuni dei colleghi al fianco dei quali era cresciuto.
Ma questa è la Sicilia, la terra dove fioriscono i limoni e dove ogni cosa è possibile, nel campo del potere.
A noi giovani cronisti, orfani del loro maestro, toccò decifrare negli articoli sul delitto Fava le strategie depistanti, studiate con cura, di chi voleva allontanare ogni sospetto dai veri mandanti, i cui nomi erano noti a tutti. Furono anni di dossier, esposti alla Procura, querele incrociate, tra giornalisti e altri giornalisti. Uniti dall’appartenenza ad un Albo professionale, separati nella concezione del mestiere e nella qualità umana.
Ieri e oggi, il padre padrone del giornale “La Sicilia”, è sempre lo stesso, Mario Ciancio. Sono passati innumerevoli sindaci, politici nazionali, cavalieri del lavoro, boss mafiosi, prefetti, procuratori della repubblica, ma lui è sempre lì, intramontabile. Invecchiato, gravato da accuse che un tempo erano voci sussurrate, e ora sono un preciso atto giudiziario, un rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa. E ancora vivo è il rito del bacio della pantofola, cui continuano a sottoporsi, al cospetto del potente editore, tutti coloro che al potere aspirano, o che il potere vogliono mantenere.
Scriveva trentaquattro anni fa Giuseppe Fava, nel suo ultimo profetico editoriale prima di essere ucciso: “Il clima morale della società è questo. Il potere si è isolato da tutto, si è collocato in una dimensione nella quale tutto quello che accade fuori, nella nazione reale, non lo tocca più e nemmeno lo offende, né accuse, né denunce, dolori, disperazioni, rivolte. Egli sta là, giornali, spettacoli, cinema, requisitorie passano senza far male: politici, cavalieri, imprenditori, giudici applaudono. I giusti e gli iniqui. Tutto sommato questi ultimi sono probabilmente convinti d’essere oramai invulnerabili”.
L’invulnerabile Ciancio continua a dettare modi e tempi della politica a Catania, ma intorno a lui, malgrado lui, molte piccole realtà crescono, coraggiose e forti, dai Siciliani Giovani a Meridionews, a Live Sicilia a molte altre.  Voci piccole ma tenaci, cui manca, forse, per uscire dalla marginalità, soltanto la guida di un uomo straordinario come fu Giuseppe Fava.
Non vedo l’ora che i giovani cronisti catanesi vedano “Prima che la notte”, il film dedicato a Fava, e diretto da Daniele Vicari, che andrà in onda su Rai 1 nel corso di questa stagione. Scopriranno un uomo, la sua passione, la sua voglia di raccontare, e forse ne trarranno nuove energie per il lavoro difficile che hanno intrapreso. E chissà che la cattiva coscienza di qualcuno non pensi di bloccare anche questo film, come si cerca di fare con quello su Mario Francese. Ci sarebbe da divertirsi.

Da mafie

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE