Sei qui:  / Articoli / Mafie / “Se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo”. Contro le mafie ripartiamo dalla lotta coraggiosa di Rita Atria

“Se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo”. Contro le mafie ripartiamo dalla lotta coraggiosa di Rita Atria

 

Ha ragione il presidente del Senato Pietro Grasso: “Conosciamo tutti le vittime della strage di Via D’Amelio eppure ne dimentichiamo sempre una: Rita Atria”.
A ricordarsi di lei però ci ha pensato l’associazione che porta il suo nome e che ha organizzato una iniziativa a Roma nel 25° anniversario della sua scomparsa. In via Amelia. Rita, a soli 17 anni si getta dal settimo piano del palazzo al numero civico 23. A una settimana dall’assassinio di Paolo Borsellino e della sua scorta.

Rita crede in Borsellino. Per lei è come un padre. Lui raccoglie tutte le sue rivelazioni. Quelle sul padre Vito, mafioso della cosca locale di Partanna ucciso nell’85, sul fratello maggiore Nicola anch’egli ucciso sei anni più tardi. La cognata Piera assiste all’omicidio del marito e decide di collaborare con la polizia. E Rita segue le sue orme, alimentata da una sete di vendetta trasformatasi presto in un desiderio di giustizia.

Paolo Borsellino all’epoca è Procuratore di Marsala. La sua testimonianza al giudice e agli inquirenti permetterà di arrestare numerosi mafiosi della zona.
Pochi giorni dopo la strage di Capaci Rita dedica a Giovanni Falcone e ai magistrati antimafia il suo tema di maturità. “Con lui – scrive Rita – è morta l’immagine dell’uomo che combatteva con armi lecite contro chi ti colpisce alle spalle, ti pugnala e ne è fiero. Mi chiedo per quanto tempo ancora si parlerà della sua morte, forse un mese, un anno, ma in tutto questo tempo solo pochi avranno la forza di continuare a lottare…”
Falcone è morto. “E con la sua morte – scrive Rita – quegli uomini ci hanno voluto dire che loro vinceranno sempre, che sono i più forti, che hanno il potere di uccidere chiunque”. Ma resta Borsellino. Finché tanti come lui vivranno “non bisogna arrendersi mai, e la giustizia e la verità vivrà contro tutto e tutti”.

C’è ancora speranza in Rita. Speranza di verità e di giustizia.
Ma quando Borsellino muore nell’atroce strage del 19 luglio Rita non ha più la forza di sperare. E compie l’estremo gesto.
Ma nel giorno in cui la ricordiamo, a 25 anni di distanza dalla sua scomparsa ciò che vogliamo rimanga impresso di lei, è proprio il messaggio di speranza (che è anche il nostro) con cui conclude il suo tema di maturità:
“L’unico sistema per eliminare tale piaga è rendere coscienti i ragazzi che vivono tra la mafia che al di fuori c’è un altro mondo fatto di cose semplici, ma belle, di purezza, un mondo dove sei trattato per ciò che sei, non perché sei figlio di questa o di quella persona, o perché hai pagato un pizzo per farti fare quel favore. Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare. Forse se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE