Sei qui:  / Articoli / Esteri / Informazione / Elezioni Turchia, i bavagli non hanno vinto

Elezioni Turchia, i bavagli non hanno vinto

 

Dal voto generale in Turchia un risposta di libertà. Bavagli all’informazione, arresti di giornalisti e bloggers, silenziatore e repressione sulle piazze della protesta non hanno vinto. Erdogan perde la maggioranza assoluta e, forse, si arresta, la sua spinta verso il sistema presidenza e l’installazione di un regime. Vince il popolo turco che ha saputo tenere viva la sua dimensione plurale e vitali le sue anime laiche. Nonostante tutto. Con loro quanti nel mondo  dei giornalisti  dei giornalisti e associazioni dei diritti civili in testa – Italia in prima fila con la Fnsi e Articolo21- non hanno mai permesso, che sulle repressioni delle idee e dell’informazione calasse il silenzio.

Una chiave della “controsvolta” di fronte a un leader autoritario che sembrava inarrestabile risiede certamente nelle battaglie che si combattono da più di tre anni in Turchia contro le censure, i bavagli, il carcere duro per decine e decine di giornalisti e scrittori sgraditi, le sospensioni di pubblicazioni di opposizione. Il sindacato nazionale dei giornalisti (Tgs) e le associazioni degli intellettuali turchi  non si erano mai arresi all’arroganza e allo strapotere  di un leader dal pugno di ferro come  Erdogan. Nei momenti più difficili hanno retto l’urto grazie a incessanti e sta riordinare battaglie pubbliche di sindacati e movimenti internazionale.

Era il marzo del 2012 quando scatto’ l’allarme rosso e il sindacato mondiale e quello europeo dei giornalisti (Ifj e Efj) lanciarono la campagna “adotta un giornalista incarcerato in Turchia”. La Fnsi, aderì tra le prime a questa campagna adottando due giornalisti arrestati. Bedr Adanjr e Baha Okar. In quel periodo, la repressione contro i media e i giornalisti aveva raggiunto lil suo primo punto di svolta drammatica, con 104 colleghi rinchiusi nelle prigioni Stato. Nei tre anni che sono seguiti la situazione non era molto cambiata, anche se la gran l’arte dei giornalisti “adottati” da decine di associazioni i internazionali, piano piano, e’ uscita di prigione, senza ritrovare la vera libertà. Protesta e fiaccolate abbiamo dovuto ripetere più volte – Fnsi e rete delle associazioni per i diritti intorno ad Articilo21 – anche in Italia. Benché tenuti a distanza dalla sede dell’Ambasciata a Roma (noi pacifici manifestanti) abbiamo continuato a osare di poter far breccia anche con le nostre parole e i lumi delle nostre fiaccole sui muri del silenzio e le tenebre del terrore. Efj e Ifj ancora la settimana scorsa si i scese in campo per spezzare la catena delle violenze, delle intimidazioni e delle minacce contro i media del pluralismo in Turchia. Lo eravamo ieri, lo saremo ancora domani: sempre contro ogni bavaglio, ogni censura, per la libertà, a ogni latitudine. Oggi più ieri.

Efj e Ifj non mancheranno a far a sentire la loro voce. Ora va anzi rinnovata la campagna per la libertà di stampa ero lavoro, per il rispetto delle idee e soprattutto per per il rilascio di tutti i giornalisti e gli intellettuali ancora ingiustamente in origine per la loro testimonianza di corretti impegno professionale e civile.  Sulla Turchia che esce dal voto c’e anche la bandiera del giornalismo libero e della società civile internazionalmente impegnata per la difesa dell’informazione e del pluralismo che no era stata mai ammainata.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE