Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / Al via il festival di Ravello con l’apertura di Villa Rufolo

Al via il festival di Ravello con l’apertura di Villa Rufolo

 

È un calendario fitto di appuntamenti quello che Ravello si appresta a vivere per il consueto festival. Per non venir meno alla tradizione, la città della musica anche quest’anno, tornerà a illuminarsi di luci primaverili. Si parte questa sera per la seconda edizione di “Mille anni di magia”, il progetto di proiezioni mappate e ologrammi per valorizzare e promuovere il monumento simbolo della città della musica. Da Wagner a Reid, da Bocaccio a Escher ogni sera per mezz’ora si ripercorreranno mille anni di storia, con un padrone di casa di eccezione: il fantasma Lorenzo Rufolo. Ma la città della musica ospiterà quest’anno anche un altro evento eccezionale, la riapertura della Torre Medievale di Villa Rufolo.

Ci sono voluti ben otto secoli e un ampio progetto di restauro costato 1,2 milioni di euro ma la Torre di Villa Rufolo sarà finalmente aperta al pubblico. L’antica residenza della famiglia nobile dell’antica famiglia Ravellese è senza dubbio una delle meraviglie più belle e interessanti della città. I lavori di valorizzazione e restauro sono stati finanziati dalla fondazione Ravello e dal fondo Arcus.

Fino a oggi la torre era visibile solo dall’esterno da domani invece, dopo un importante progetto di restauro, sarà possibile visitarne l’interno. La torre è stata resa fruibile al pubblico grazie a una scala di acciaio e vetro di 100 gradini, la cosiddetta scala impossibile di  Cornelis Escher, che permetterà ai turisti di raggiungere la parte più alta dell’edificio. Circa trenta metri di altezza per godere del fantastico panorama dal centro storico di Ravello fino alla Costiera Amalfitana.  La struttura, datata intorno al 1280, entro l’anno diventerà un museo verticale a metà tra il reale e surreale coniugando storia, arte, bellezza e nuove tecnologie.  Domani mattina alle ore 11 ci sarà il taglio del nastro alla presenza del commissario straordinario della Fondazione Ravello, Antonio Naddeo, preceduta dalla proiezione del film sulla scorsa edizione del Ravello festival, realizzato dal Centro Sperimentale di Cinematografia dell’Aquila.  . Alle ore 19 presso l’auditorio Oscar Niemeyer, a coronamento della giornata, ci sarà il concerto dell’ensamble Barocco di Napoli con la soprano Maria Grazia Schivo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE