Sei qui:  / Blog / Paolo VI, il beato che parla oggi dell’oggi

Paolo VI, il beato che parla oggi dell’oggi

 
Sembra una beatificazione per pochi, di un papa che alcuni chiamarono “Paolo Mesto”. Nulla di più sbagliato: Paolo VI è l’uomo che parla dell’oggi a ciascuno di noi.
Domenica: Giovanni Battisti Montini, cioè Paolo VI, sarà Beato. Un fatto irrilevante? Un rito ecclesiastico che non parla al mondo di oggi, a noi, credenti, credenti non cattolici, credenti non cristiani, non credenti? Si tratta del solito auto beatificarsi di Santa Romana Chiesa? O c’è un messaggio per l’oggi, oggi inteso come questo drammatico tempo che viviamo, il 2014 e il tempo che sta per venire?

Vediamo un po’. Era il 1964, cioè un tempo in cui quasi tutti ripetevano in coro che “non c’è salvezza fuori dalla Chiesa”. Oggi invece è un tempo in cui molti dicono che è l’ora della guerra di religione. Già allora, esattamente cinquanta anni fa, da Betlemme, Paolo VI ci parlava. Dalla Piazza della Mangiatoia rivolse Un saluto referente ” in modo del tutto particolare a chiunque professi il monoteismo e con noi renda un culto religioso al vero e unico Dio, il Dio vivente e supremo, il Dio d’Abramo, l’Altissimo, quello che un personaggio misterioso del quale le Scritture non ci dicono la genealogia Melchisédech, celebra come “Il Dio Altissimo, Creatore del cielo e della terra”. Noi istruiti dalla rivelazione sappiamo che Dio sussiste in tre Persone il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, ma celebriamo la natura divina come unica, proclamiamo l’unico Dio vivente e vero.” E concludeva rivolgendosi ai popoli che come noi adorano un Dio unico, nel nome della giustizia e della pace.

Questo nostro 2014 è anche un anno di atrocità terroristiche, frutto di errori e orrori molteplici, come tutti i terrorismi. Ma questo nostro tempo è segnato in modo angosciante dal terrorismo che devasta Iraq, Siria, Libano, Pakistan, Afghanistan, Yemen, Libia, Nigeria, Egitto e molti altri Paesi. Paolo VI seppe vedere quel che accade oggi? Di certo scrisse “agli uomini delle Brigate Rosse”:

Tutti noi dobbiamo avere timore dell’odio che degenera in vendetta, o si piega a sentimenti di avvilita disperazione. E tutti dobbiamo temere Iddio vindice dei morti senza causa e senza colpa. Uomini delle Brigate Rosse, lasciate a me, interprete di tanti vostri concittadini, la speranza che ancora nei vostri animi alberghi un vittorioso sentimento di umanità. Io ne aspetto pregando, e pur sempre amandovi, la prova.

Ma in questo nostro 2014 non ci sono solo terroristi spietati, ma anche regimi feroci, spietati. La tentazione di rovesciarli con la violenza è diffusa. Già allora Paolo VI sapeva capire, capirci, e avvertire, avvertirci, così, nella lettera enciclica Populorum Progressio:

«e tuttavia sappiamo che l’insurrezione rivoluzionaria – salvo nel caso di una tirannia evidente e prolungata che attenti gravemente ai diritti fondamentali della persona e nuoccia in modo pericoloso al bene comune del Paese – è fonte di nuove ingiustizie…» Omettiamo per brevità di ricordare che l’intellettuale che molti hanno definito “lontano”, “ascetico”, seppe vedere le nostre città odierne come noi non le abbiamo ancora capite, o cominciamo a capirle oggi, scrivendo che le città si sono capovolte, con i centri privi di residenti, ostello notturno solo di clochard, e le periferie brulicanti di nuove e vecchie ricchezze e povertà. Sì, domenica in Piazza San Pietro avrà luogo un evento che riguarda personalmente ciascuno di noi, credenti o non credenti, ma tutti uomini.

di R.C.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE