Sei qui:  / News / Caso Tosi-Report: Rotta e Peluffo (PD) alla commissione di Vigilanza: “I vertici della RAI tutelino la libertà di informare”. Depositata l’interrogazione

Caso Tosi-Report: Rotta e Peluffo (PD) alla commissione di Vigilanza: “I vertici della RAI tutelino la libertà di informare”. Depositata l’interrogazione

 

È stata depositata ieri presso la Commissione di Vigilanza Rai un’interrogazione al Presidente, Anna Maria Tarantola, e al Direttore Generale, Luigi Gubitosi, a firma dei deputati PD Alessia Rotta e Vinicio Peluffo per chiedere se siano pienamente garantiti i diritti alla libertà di informazione del giornalista Sigfrido Ranucci e della trasmissione Report, in seguito alla querela per diffamazione presentata a suo carico dal sindaco di Verona, Flavio Tosi.  “Si tratterebbe – scrivono i deputati PD –  dell’ennesima querela preventiva del sindaco di Verona che finora ha diramato tramite giunta circa 69 proposizioni di querela, con il relativo notevole esborso finanziario a carico del comune di Verona, delle quali soltanto una si sarebbe risolta in un giudizio di condanna ai danni del querelato”.

«Siamo intervenuti a tutela di un principio garantito dall’articolo 21 della Costituzione: la libertà di informare – dice la deputata veronese Alessia Rotta – La verità è trasparenza e se la politica è trasparente, nulla ha da temere dall’informazione».
Secondo i due parlamentari, nel caso della trasmissione Report, che andrà in onda il prossimo 7 aprile, “non vi può essere comunque diffamazione a mezzo stampa, ma neppure diffamazione semplice poiché la volontà del giornalista era la ricerca della verità dei fatti, non la diffamazione e quindi è assente il dolo specifico”.
«A Verona, lo strumento della querela per diffamazione sembra assumere i contorni tipici della querela temeraria – continua la deputata Alessia Rotta – Un’azione reiterata da parte dell’Amministrazione cittadina, che scarica però le spese a carico di tutti i cittadini. Diversamente, i giornalisti e cittadini querelati, soprattutto se non hanno alle spalle un editore che li appoggia economicamente, sostengono le spese di difesa completamente a carico proprio. È una grave forma di abuso, a cui la riforma sulla diffamazione, ora in Senato, sta cercando di opporre importanti deterrenti, soprattutto perché questo tipo di querele punta a scoraggiare in modo particolare i giovani giornalisti precari, impegnati in alcuni casi a fare del buon giornalismo di inchiesta».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE