Sei qui:  / Opinioni / M5S, dopo il “fascismo buono”, adesso anche l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori

M5S, dopo il “fascismo buono”, adesso anche l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori

 

Ci sono delle cose che io non posso tollerare, è il vergognoso attacco della Lombardi all’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori è uno di quelli:

http://www.giornalettismo.com/archives/819295/roberta-lombardi-larticolo-18-unaberrazione/

Visto che io sono sempre abituato a verificare quello che viene pubblicato, perchè sono un pò malfidato, ho deciso di andarmi a leggere sul forum del M5s Roma la dichiarazione della Lombardi sull’articolo 18, per capire se erano state distorte oppure no:

http://www.roma5stelle.com/forum/405-i-nostri-candidati-alle-politiche-2013-presentati/69506-roberta-lombardi?limit=6&start=66

e sono rimasto ancora più sconcertato, perchè quelle cose la le ha dette davvero.
Per me che sono un operaio metalmeccanico, che lavora in fabbrica da 19 anni, tra l’altro anche Rappresentante sindacale (RSU), tra l’altro iscritto anche alla Fiom-Cgil dal 2001, leggere una simile dichiarazione, mi ha lasciato a bocca aperta!
La Lombardi è indifendibile!
Dopo il “fascismo buono”, adesso anche l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori (Legge 300 del 20 Maggio 1970), che sarebbe un’aberrazione: mi stupisco che non abbia detto che andrebbe abolito!
SI DOVREBBE DIMETTERE IMMEDIATAMENTE!

Chiedo al Pd, a Sel, a Rifondazione Comunista, alle associazioni  ai sindacati, a tutti i mezzi d’informazione di prendere una posizione chiara e netta sulle dichiarazioni della capogruppo alla Camera del M5S Roberta Lombardi, perchè sono vergognose, ed io mi sento profondamente indignato da una simile dichiarazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE