Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / 22/10. A tre anni dalla morte, una serata per ricordare Stefano Cucchi

22/10. A tre anni dalla morte, una serata per ricordare Stefano Cucchi

 

Un evento con ospiti e proiezioni per ricordare Stefano Cucchi nel terzo anniversario della sua tragica e inaccettabile scomparsa. I suoi familiari – Ilaria, Rita e Giovanni Cucchi – invitano a partecipare con la forte convinzione che la giustizia per Stefano potrà essere veicolata soltanto dalla comune coscienza e conoscenza dei fatti. Anche nelle aule dei tribunali.

Parteciperanno Luca Barbarossa, Andrea Purgatori, Ulderico Pesce, Marco Morandi, Tosca, Josafat Vagni, Massimo Wertmuller, Anna Ferruzzo, Domenico Ascione, Giovanna Pini, Claudia Campagnola, Cinzia Mascoli, Luca Angeletti. E’ prevista la proiezioni di alcuni stralci dai documentare stralci documentari 148 Stefano mostri dell’inerzia di Maurizio Cartolano, Nei secoli fedele il caso di Giuseppe Uva di Adriano Chiarelli e E’stato morto un ragazzo di Filippo Vendemmiati

Dichiarano Giovanni, Rita e Ilaria Cucchi: “Vogliamo, oltre che testimoniare i fatti ed esporre la situazione processuale, fare un grave atto di accusa contro tutte le resistenze che incontriamo nello svolgimento del processo penale, e andare ancora avanti per creare una rete di solidarietà con le persone più sfortunate a cui offrire aiuto, con il tuo aiuto, anche, e mediante idee, iniziative, progetti, lavori, incontri, commemorazioni, contributi di tutti. L’attuale legislazione italiana, infine, non prevede il reato di tortura. Questa occasione ci permette di lanciare un messaggio: mobilitiamoci per contribuire a sensibilizzare la gente per far sì che venga prevista. Se ci fosse stata forse i processi contro gli abusi di alcuni esponenti delle forze dell’ordine avrebbero già avuto una svolta. Questa è un’occasione per parlarne insieme.”

AMBRA ALLA GARBATELLA

piazza Giovanni da Triora 15 – Roma

ore 21 lunedì 22 ottobre

Ingresso gratuito

SERATA PER RICORDARE STEFANO CUCCHI

Associazione Federico Aldrovandi

In collaborazione con

Associazione a Buon Diritto

Amnesty Italia

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE