Articolo21: Un’ora con “Trento città dell’inclusione e contro ogni bavaglio..” Franco Ianeselli sindaco di Trento e Giuseppe Giulietti

1 0

 

Per partecipare inviare una richiesta alla mail: redazione@articolo21.info

Lunedì 22 febbraio 2021 alle ore 17 Articolo21 organizza  il web-incontro: “Un’ora con…. Trento città dell’inclusione e contro ogni bavaglio..”  in diretta dalla sala Giunta del Comune di Trento, moderata da Roberto Natale del Comitato scientifico di Articolo21; con la partecipazione del sindaco Franco Ianeselli; il direttore dell’ufficio stampa del Comune Lorenzo Andreatta; Giuseppe Giulietti presidente della Federazione nazionale della stampa; Rocco Cerone segretario del Sindacato giornalisti del Trentino Alto Adige – Südtirol; Lorenzo Basso vicesegretario del Sindacato TAA; Ekaterina Ziuziuk presidente dell’Associazione Bielorussi in Italia e neopresidente di Articolo21 Trentino Alto Adige; Anna Del Freo del comitato Federazione Europea dei Giornalisti (EFJ) e Segretario generale aggiunto della Fnsi; Danilo De Biasio direttore del Festival dei Diritti Umani di Milano; Khalifa Abo Khraisse giornalista (in videoregistrazione) con Chicco Elia, condirettore di QCodemagazine ; Paola Rosà dell’Osservatorio Balcani Caucaso; Roberto Rinaldi portavoce del presidio di Articolo21 TAA. Sono previste testimonianze da parte di giornalisti che raccontano le realtà di Bielorussia, Russia, Ungheria, Polonia, Libia, Turchia.

«Vogliamo essere la città che ospita ed accoglie giornalisti minacciati, per coniugare la difesa dei diritti umani con l’ospitalità», ha spiegato il sindaco Franco Ianeselli,  dove si è parlato della volontà di trovare nuove strade per mettere al centro la libertà di informazione, senza dimenticare tuttavia il percorso avviato da altre realtà italiane. «Intendiamo offrire – ha infatti precisato il primo cittadino di Trento – la possibilità di un ristoro temporaneo nella nostra città da situazioni critiche o a rischio per giornalisti che hanno illuminato o portato a conoscenza fatti di interesse pubblico a livello nazionale e internazionale».

Ad inizio maggio 2021 la città di Trento ospiterà la seconda giornata internazionale sulla libertà di stampa, un evento inclusivo che si propone di accedere un faro sui cronisti minacciati in Italia e nel mondo. L’iniziativa è nata da un colloquio tra il presidente della Federazione nazionale della stampa italiana Giuseppe Giulietti, il segretario del Sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige Rocco Cerone, il vicesegretario Lorenzo Basso e il sindaco di Trento Franco Ianeselli.

L’idea avanzata dal sindaco, già segretario della Cgil del Trentino, è quella di recuperare una prassi propria dei sindacati confederali, che da decenni sono impegnati nella tutela di chi si occupa di rappresentare i lavoratori nei luoghi più pericolosi del mondo, ospitando lavoratori e sindacalisti minacciati. Allo stesso modo, ha proposto di rendere la città di Trento un luogo accogliente per i cronisti minacciati nel nostro Paese, in Europa e a livello internazionale, creando un porto sicuro dove rigenerarsi e intessere relazioni con i professionisti locali e con le scuole, per rendere il loro esempio un modello per le nuove generazioni.

 

Per chi legge la rivista Internazionale il nome dovrebbe essere noto: Khalifa Abo Khraisse. I suoi pezzi sulla Libia, la sua patria, sono sempre ben informati, ricchi di dettagli. Pochi sanno che Khalifa Abo Khraisse sta vivendo in Italia, sotto copertura, un esule che rischia la vita. Perché a fare il giornalista nella Libia attuale ti fai molti nemici. E Khalifa ne ha così tanti che è dovuto fuggire. In Italia è arrivato grazie al programma Media Freedom Rapid Response che si occupa di dare supporto legale, assistenza e protezione ai giornalisti in pericolo di vita per il loro lavoro. Il partner italiano di questo progetto europeo è l’Osservatorio Balcani e Caucaso, che nel caso di Khalifa Abo Khraisse si è unito al Festival dei Diritti Umani e alla rivista QcodeMagazine. Non sempre, ma in molti casi, lasciare la propria nazione dove sei sotto tiro da parte di mafiosi, governi o gruppi paramilitari, può rappresentare la salvezza. Molto dipende dalla velocità di reazione e dalla pressione internazionale che le associazioni o i sindacati riescono a convogliare. In regimi molto chiusi, o in zone di guerra tutto può essere ancora più difficile. Quasi sempre chi ha scelto di essere giornalista indipendente lo è per tutta la vita, mettendo in conto i rischi e l’esilio. Come Khalifa.Per questo motivo la sua testimonianza in video registrazione che sarà trasmessa lunedì 22 febbraio (tra le 17 e le 18) nel corso di “Un’ora con.. Trento città dell’inclusione e contro ogni bavaglio.. “ in diretta dal Comune di Trento (con la partecipazione del sindaco Franco Ianeselli e di Giuseppe Giulietti presidente della Federazione nazionale della stampa) non sarà solo un racconto: sarà un gesto politico di solidarietà e di riaffermazione del valore del giornalismo.
Danilo De Biasio Festival Diritti Umani

 

Per partecipare inviare una richiesta alla mail: redazione@articolo21.info

Adesioni

Giuseppe Giulietti presidente FNSI

Franco Ianeselli sindaco di Trento

Lorenzo Andreatta giornalista/ direttore dell’ufficio stampa del Comune di Trento

Lorenzo Basso giornalista /vicesegretario del Sindacato TAA -Südtirol

Monica Andolfatto giornalista/ segretaria del Sindacato giornalisti del Veneto

Paolo Borrometi presidente Articolo21/vicedirettore AGI

Roberto Natale, giornalista /Comitato scientifico Articolo21

Elisa Marincola, giornalista/ portavoce di Articolo21

Rocco Cerone giornalista / segretario del sindacato giornalisti del Trentino Alto Adige Journalisten Gewerkschaft;

Roberto Rinaldi giornalista /portavoce presidio di Articolo21 del Trentino Alto Adige;

 

Ekaterina Ziuziuk, presidente del presidio di Articolo21 del Trentino Alto Adige, che presiede anche l’Associazione Bielorussi in Italia con sede a Trento

 

Khalifa Abo Khraisse giornalista (in video registrazione)
con la partecipazione di Chicco Elia, condirettore di QCodemagazine

 

Paola Rosà, rappresentante dell’Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa, direzione operativa del Centro per la Cooperazione Internazionale di Trento;

Ubaldo Cordellini,  giornalista/ comitato di redazione del quotidiano Trentino, chiuso dopo essere stato fondato 75 anni dal Comitato di Liberazione Nazionale

Anna Del Freo, giornalista /Federazione Europea dei Giornalisti; vicesegretario aggiunto FNSI

Danilo De Biasio, giornalista /Festival Diritti Umani Milano;

Desirèe Klain, giornalista /Festival Imbavagliati Napoli/ portavoce presidio Articolo21 Campania

Silvia Gadotti giornalista / presidente CLAN Trentino Alto Adige

Elisa Marincola giornalista/ portavoce Articolo21

Nicola Chiarini giornalista /portavoce Articolo21 Veneto

Valerio Cataldi Carta di Roma

Graziella Di Mambro giornalista /Articolo21

Antonella Napoli giornalista /Articolo21/direttrice Focus on Africa

Michele Cervo giornalista/portavoce presidio Articolo21 Calabria

Laura Nota professore ordinario Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Università di Padova

Nicole Corritore Osservatorio Balcani Caucaso

Tiziana Ciavardini  giornalista Articolo21

Fabiana Pacella giornalista portavoce presidio Articolo21 Puglia

Martina Valentini

Markus Perwanger, sede Rai Bolzano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.