Sei qui:  / Articoli / Egitto, appello di Amnesty International per la liberazione di Sanaa Seif

Egitto, appello di Amnesty International per la liberazione di Sanaa Seif

 

Ieri vi abbiamo raccontato dell’ennesima rappresaglia nei confronti della famiglia di Alaa Abdelfattah, detenuto nel penitenziario di Tora in Egitto e di cui non si hanno più comunicazioni da tre settimane.
Dopo l’allarme lanciato per il rapimento di Sanaa Seif, sorella del blogger e attivista in carcere dal settembre dello scorso anno, Amnesty International ha avviato un’azione urgente per chiedere la sua liberazione.
Articolo 21 sostiene e rilancia l’appello e invita a fare altrettanto.

Antonella Napoli

Sanaa Seif, sorella dell’attivista e prigioniero di coscienza egiziano Alaa Abdelfattah, è stata rapita il 23 giugno da persone in borghese scese da un minibus.

Erano le 14 ora locale e il fatto è avvenuto fuori dagli uffici della Procura di El Rehab, nella Nuova Cairo. In quel momento Sanaa Seif si trovava insieme all’altra sorella Mona e alla loro madre, Laila Souef. Col loro avvocato, le tre donne si stavano apprestando a sporgere denuncia contro ignote per l’aggressione e la rapina che avevano subito il giorno prima ai cancelli della prigione di Tora, dove è detenuto Alaa Abdelfattah e c’è anche Patrick Zaki.

Laila Souef e Mona e Sanaa Seif erano ferme di fronte all’ingresso della prigione da due giorni, in attesa che venisse loro consegnata una lettera del congiunto. L’ultima l’avevano ricevuta tre settimane prima, a seguito di un’analoga protesta.

Nel tardo pomeriggio Sanaa Seif è comparsa negli uffici della Procura suprema per la sicurezza dello stato ed è stata interrogata sulle accuse, mosse nei suoi confronti, di “diffusione di notizie false”, “incitamento a compiere reati di terrorismo” e “uso improprio dei social media”.

Sollecitiamo il governo egiziano a garantire il rilascio immediato Sanaa Seif, a indagare sul rapimento odierno e sull’aggressione subita il giorno precedente, ad assicurare il regolare scambio di corrispondenza tra i familiari e Alaa Abdelfattah e a scarcerare quest’ultimo, in detenzione arbitraria dal settembre 2019.

IL TESTO DELL’APPELLO

Public Prosecutor Hamada al-Sawi
Office of the Public Prosecutor
Madinat al-Rehab
Cairo, Arab Republic of Egypt
Fax: +202 2577 4716

Eccellenza,

sono a scriverLe per esprimere preoccupazione in merito all’arresto di Sanaa Seif, sorella dell’attivista e prigioniero di coscienza egiziano Alaa Abdelfattahrapita il 23 giugno da persone in borghese scese da un minibus.

Le chiedo di rilasciarla immediatamente e incondizionatamente e di aprire un’indagine indipendente sul rapimento e l’aggressione subita. La invito a garantire anche che, in attesa del suo rilascio, le venga concesso l’accesso ai suoi avvocati, familiari e cure mediche; e che sia protetta da tortura e da altri maltrattamenti.

La esorto infine ad assicurare il regolare scambio di corrispondenza tra i familiari e Alaa Abdelfattah e a scarcerare quest’ultimo, in detenzione arbitraria dal settembre 2019, e tutte le persone detenute esclusivamente per il loro lavoro in difesa dei diritti umani e per aver espresso pacificamente le loro opinioni.

La ringrazio per l’attenzione.

CHI E’ ALAA ABDELFATTAH

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.