Sei qui:  / Articoli / Giulietti (Fnsi): scelta infelice sostituire Verdelli il giorno della maratona di solidarietà per le minacce

Giulietti (Fnsi): scelta infelice sostituire Verdelli il giorno della maratona di solidarietà per le minacce

 

La sostituzione di Carlo Verdelli alla direzione di Repubblica nel giorno in cui c’è stata una maratona social per esprimere al direttore solidarietà è apparsa a molti una scelta inelegante e sono tante le reazioni in queste ore. Tra le altre quella autorevole del Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Giuseppe Giulietti.
“Premesso che ho la massima stima professionale per Carlo Verdelli, per Maurizio Molinari e per Massimo Giannini, – sottolinea Giulietti – mi sento di dire che se lo stile significa ancora qualcosa. La contemporaneità tra il licenziamento di Verdelli e le minacce a lui rivolte è davvero infelice, sebbene casuale“. Queste le parole di Giulietti in una dichiarazione all’Agenzia Dire circa l’avvicendamento di Carlo Verdelli alla guida di Repubblica da parte del cda di Gedi. Proprio oggi infatti cade il giorno in cui le minacce a Verdelli (prima attraverso una falsa pagina di wikipedia, poi con un finto manifesto funebre) fissavano la data della sua morte. Da stamattina con l’hashtag #iostoconverdelli a migliaia su twitter manifestano solidarieta’ al direttore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

1 COMMENTO

  • Roberto

    Io e la mia famiglia, siamo lettori quotidiani di Repubblica da quando è nata,e, tempo fa non volendo più andare a comprare il cataceo a causa dell’epidemia,abbiamo sottoscritto un abbonamento annuale a Rep+
    per un anno. A parte la nostra solidarietà con Verdelli,troviamo la sua destituzione un atto esecrabile
    anche perchè è avvenuta il giorno in cui scadeva l’ultimatum fascista.Mio figlio da parte sua oggi ha disdetto il suo abbonameto
    Bianca e Roberto

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.