Sei qui:  / Articoli / Esteri / Un anno fa il rapimento di Silvia Romano

Un anno fa il rapimento di Silvia Romano

 

Lunedì la procura di Roma, titolare delle indagini sul sequestro, ha diffuso un comunicato in cui si afferma che Silvia Romano è prigioniera in Somalia di un gruppo islamista molto vicino agli al Shabaab, I terroristi legati ad Al Qaeda. In sintesi la giovane volontaria sarebbe stata rapita da una banda di criminali comuni del Kenya (ma di origini somale) su  commissione degli integralisti che controllano quasi l’intera nazione che dal 1991 è squassata dalla guerra civile e dal terrorismo. I contatti tra i due gruppi sarebbero confermati da intercettazioni telefoniche intercorse tra Somalia e Kenya nei giorni successivi a quel drammatico 20 novembre 2018, data del rapimento, ed anche dalla abbondanza di mezzi di cui avrebbero usufruito i criminali per portare a termine l’azione messi a disposizione dai terroristi, da allora però nessuna rivendicazione che pure avrebbe “illuminato” il crimine e dato visibilità agli ispiratori. Ufficialmente in un lungo anno non sarebbero pervenute richieste di riscatto o avviate trattative.

Il comunicato dei magistrati di piazzale Clodio appare “un atto dovuto” verso l’opinione pubblica dopo un anno di totale buio informativo in cui è stata relegata la vicenda. Insomma nell’imminenza dell’anniversario di questo nebuloso sequestro qualcosa andava detto. Le autorità del Kenya dopo il rapimento rassicurarono che la ragazza sarebbe tornata in libertà entro poche ore, tesi abbracciata anche in Italia. Le ore sono diventate giorni, mesi ed oggi un anno esatto e di Silvia non si sa nulla in grado di rassicurare genitori, amici ed i tanti cittadini che si augurano il ritorno a casa. In Kenya, a Chakama dove fu rapita ma anche altrove, non si tengono riunioni, incontri o preghiere collettive per sollecitarne la liberazione. A Chakama i testimoni hanno paura ed hanno richiesto la protezione della polizia durante le audizioni in tribunale per minacce dirette o indirette che stanno ricevendo. Ministri e autorità politiche ribadiscono la piena collaborazione con gli investigatori italiani partita in sordina solo lo scorso agosto, nove mesi dopo il sequestro, e con informazioni datate ed inchiesta monca o mai partita.

C’è il rischio che il sequestro di Silvia sia silenziato dallo scorrere del tempo. Ci auguriamo che il lungo buio informativo sia servito agli investigatori a fare passi decisi verso la liberazione della volontaria. Siamo in ogni caso preoccupati per la detenzione della ragazza in una delle zone più pericolose della Somalia: il sud ai confini con il Kenya dove quotidianamente i droni statunitensi conducono attacchi contro le basi degli shabaab. E sappiamo bene che la guerra “intelligente” non esiste. Troppo spesso a pagare il prezzo più alto di queste incursioni sono i civili inermi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.