Sei qui:  / News / Stretta alla libertà di stampa in Turchia, Fnsi chiede a governo e Ue di intervenire. Il 7 marzo la collega turca Ceyda Karan ospite della CPO

Stretta alla libertà di stampa in Turchia, Fnsi chiede a governo e Ue di intervenire. Il 7 marzo la collega turca Ceyda Karan ospite della CPO

 

«Quanto sta accadendo in Turchia, dove il direttore del quotidiano Hurriyet è stato costretto a dimettersi, il corrispondente del giornale tedesco Die Welt è in stato di arresto e i colleghi americani continuano a subire restrizioni alla libertà di movimento, conferma le peggiori preoccupazioni». Lo affermano, in una nota, il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti. «Ribadiamo – proseguono – la solidarietà dei giornalisti italiani, che in più occasioni hanno già promosso manifestazioni a sostegno della libertà di informazione in Turchia, e rilanciamo la richiesta di un incontro urgente con la presidenza del Consiglio dei ministri per poter consegnare gli appelli delle associazioni internazionali dei giornalisti e per chiedere che sia assunta una posizione comune dei governi europei contro il bavaglio imposto alla stampa dal presidente Erdogan. Chiediamo inoltre alle istituzioni dell’Unione europea e ai singoli Stati di inviare proprie delegazioni in Turchia a seguire i processi ai giornalisti».

Intanto il 7 marzo, alla vigilia della Giornata internazionale della donna, la Commissione pari opportunità della Fnsi ospiterà la collega turca Ceyda Karan nell’ambito della manifestazione “Tante Quanti: giornaliste in campo per la democrazia paritaria”.

«Sarà l’occasione – concludono Lorusso e Giulietti – per esprime la vicinanza dei giornalisti italiani agli operatori dell’informazione turchi».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE