Sei qui:  / Articoli / Bavagli / Informazione / Media / Rai / Satira / Radio2, il Servizio Pubblico rispetti la libertà di satira

Radio2, il Servizio Pubblico rispetti la libertà di satira

 

Conosciamo ed apprezziamo da anni lo stile ironico, graffiante, mai banale di Francesca Fornario, giornalista, scrittrice, autrice di testi per decine e decine di trasmissioni televisive e radiofoniche.
Nel mirino della sua satira sono finiti, senza eccezione alcuna, tutti i politici italiani da Berlusconi a Monti, da Renzi a Grillo, da Bersani a Salvini.

La sua denuncia, pubblicata oggi dal Manifesto, non può restare senza una risposta da parte della Rai.
Cosa hanno da rispondere i responsabili della radio alle parole di Francesca?
Davvero é diventato ancora più difficile realizzare i programmi di satira?
Del resto come dimenticare che anche il direttore di Rai3, Andrea Vianello, era stato messo sotto accusa per ” Lesa maestá?”
Risponde al vero che persino programmi storici ed amati dagli ascoltatori. A cominciare da Caterpiller, potrebbero essere soppresso o spostati in orari meno appetibili?
Dopo le polemiche di queste ultime giornate sarebbe doveroso, e nell’interesse del servizio pubblico, evitare di innescare altre polemiche e di non dare neppure la sensazione di non voler disturbare il manovratore di turno, chiunque esso sia, qualunque sia il colore delle maggioranze in carica.
*presidente FNSI

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE