Sei qui:  / Blog / «Primavere arabe»: dalla speranza al disincanto

«Primavere arabe»: dalla speranza al disincanto

 

di Mostafa El Ayoubi

Tunisia, Egitto, Libia, Siria, Iraq: con pochissime eccezioni, sia i paesi che hanno vissuto un periodo di rivolte a favore di una svolta in senso democratico sia quelli che non hanno vissuto un cambiamento di regime si trovano ad affrontare problemi vecchi e nuovi a cui è sempre più difficile trovare soluzione.

La grave crisi in cui sono sommersi diversi paesi arabi non sembra avere fine. Il deterioramento della situazione in Iraq, invaso di recente in modo massiccio dai jihadisti, ne è la prova. Dopo le cosiddette «primavere arabe», il vuoto politico lasciato dalle dittature deposte non si può di certo colmare in tempi brevi in mancanza di un terreno culturale in cui possano germogliare i valori della democrazia: i dittatori deposti avevano trasformato in deserti socio-culturali e politici i paesi che avevano «governato» per decenni. È lecito tuttavia interrogarsi sui passi fatti in avanti (o indietro) nel processo di cambiamento politico ispirato alla democrazia. Qual è oggi la situazione politica e sociale in Tunisia, il primo paese in cui i cittadini sono riusciti a cacciare via un dittatore? Come si presenta oggi il panorama politico in Egitto? Che ne è oggi della Libia post-Gheddafi? Ancora più impellenti sono gli interrogativi sulla situazione in Siria: cosa significano le elezioni presidenziali tenute il 3 giugno scorso in un paese devastato dalla guerra, con più di 150mila morti e milioni tra sfollati interni e profughi? Quali sono gli effetti di questa crisi sui paesi confinanti, l’Iraq in particolare, che oggi è invaso dai jihadisti sunniti?… Continua su confronti.net

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE