Sei qui:  / News / Fnsi aderisce a petizione Rsf per il rilascio di Erol Önderoglu

Fnsi aderisce a petizione Rsf per il rilascio di Erol Önderoglu

 

La Federazione nazionale della stampa italiana aderisce alla petizione promossa da Reporter senza frontiere per il rilascio del rappresentante in Turchia dell’organizzazione, Erol Önderoglu, arrestato con l’accusa di “propaganda terroristica” con altri due intellettuali per aver partecipato ad una campagna di solidarietà per il quotidiano curdo Özgür Gündem. Lo comunicano in una nota Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi.

«Condividiamo l’iniziativa di Reporter senza frontiere e dei giornalisti ed intellettuali turchi che si sono schierati al fianco di Erol Önderoglu, da sempre difensore dei giornalisti perseguitati – dicono –. È necessario mobilitarsi non soltanto per chiedere il suo immediato rilascio ma anche per far sì che le organizzazioni internazionali e l’Unione europea si mobilitino affinché in Turchia cessino le persecuzioni nei confronti dei giornalisti non allineati e vengano riconosciuti il diritto di cronaca e la libertà di stampa».

A questo proposito, la Fnsi si farà promotrice presso le organizzazioni internazionali dei giornalisti di iniziative per tenere alta l’attenzione sui casi sempre più frequenti di negazione del diritto di cronaca e di persecuzioni nei confronti dei giornalisti, non soltanto in Turchia ma anche in altri Paesi, a cominciare da Iran ed Egitto.

«Insieme con le organizzazioni internazionali della professione – dice Anna Del Freo, segretario aggiunto della Fnsi e membro del Comitato esecutivo della Federazione europea dei giornalisti – dobbiamo promuovere iniziative per sensibilizzare le istituzioni dell’Unione europea affinché i temi della libertà di stampa e del diritto dei giornalisti di informare assumano un ruolo centrale nei negoziati con la Turchia. Proporremo che la prima di queste iniziative si faccia a Milano insieme con i rappresentanti delle federazioni europea e internazionale dei giornalisti e alla presenza dei colleghi turchi che lavorano in Italia».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE