Sei qui:  / Articoli / Culture / Usciamo dalle nostre stanze, parliamo alla signora della porta accanto!

Usciamo dalle nostre stanze, parliamo alla signora della porta accanto!

 

“Abbiamo avuto il piacere di chiacchierare con il giornalista Pietro Nardiello nella Piccola Libreria 80mq, a Calvi Risorta in provincia di Caserta, in occasione della presentazione del suo ultimo lavoro “Il festival a casa del boss” (Phoebus edizion).Una giornata piacevole, in cui Pietro ha esordito dicendo: “la camorra non esiste”. Lo scrive ad Articolo21 la stessa Piccola Libreria 80mq www.piccolalibreria80mq.it)

“Tranquilli, è solo una provocazione; ancora non è del tutto pazzo.
Una provocazione che ha un senso molto chiaro: è ora di dire basta ai soliti studi e disquisizioni sui retroscena, i giochi di potere e le reti intessute dalle mafie nell’arco di decenni di potere.
C’è la magistratura a fare ciò, permettendo di delineare un quadro chiaro di come la camorra abbia acquistato potere, coinvolgendo affaristi compiacenti e politici corrotti. Grazie all’attività della magistratura e grazie alle sentenze di importanti processi, tra i quali il processo Spartacus, sono stati decapitati e smembrati molti dei clan attivi nei nostri territori.
Ora c’è bisogno di andare oltre, in un territorio che non ha più bisogno di compiacersi con le storie dei capoclan che vogliono essere divi di Hollywood, ma che ha bisogno di azioni di cambiamento forti. Un cambiamento che deve essere culturale e politico.
Ora bisogna fare un passo fondamentale per un riscatto nostro e delle nostre terre. Bisogna riconquistare i nostri spazi, le nostre piazze, che fino a ieri erano dominio di capozona e “guappi”. Bisogna iniziare a sensibilizzare tutti sulle conseguenze disastrose che il dominio della malavita ha provocato in circa due secoli, bisogna spiegare, con un linguaggio che sia alla portata di tutti, che la criminalità organizzata ha alternative concrete e credibili, che possono e devono, ora, essere veicolate da tutti, giovani e meno giovani, per costruire una società civile ancora più responsabile e consapevole delle scelte che sosterrà.
Ora dobbiamo scendere in piazza e parlare a tutti, perché con tutti si potrà sferrare l’ultimo colpo alla criminalità: abbattere la cultura mafiosa”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE