Mafia in Germania. Forme, conseguenze, controstrategie. 11-13 ottobre 2012 Colonia

0 0

Sotto il profilo della lotta al fenomeno mafioso, il 2012 è doppiamente un
appuntamento importante per la memoria collettiva. Vent’anni fa vennero
assassinati in Sicilia i magistrati antimafia Giovanni Falcone e Paolo
Borsellino in due attentati dinamitardi. Cinque anni fa la faida fra due
clan della ’Ndrangheta portò a Duisburg ad un massacro, nel quale persero
la vita sei persone.

Sebbene giuristi, criminalisti, criminologi e giornalisti richiamino da
tempo l’attenzione sulla presenza della mafia in Germania e sul fatto che
essa ricicli qui grandi quantità di denaro sporco, investendo miliardi
provenienti da attività illegali nella gastronomia, nell’edilizia oppure
nei mercati finanziari, il tema mafia e criminalità organizzata viene
discusso in Germania solo marginalmente.

L’iniziativa “Cultura della legalità“ è stata fondata nel 2011 proprio per
promuovere un dibattito sulla mafia in Germania. Il suo compito e il suo
obiettivo è quello di raccogliere informazioni sul tema e di renderle
disponibili al pubblico; di indicare possibilità di contrastare la mafia –
anche nella società civile – e di creare una coscienza critica verso la
mafia e la criminalità organizzata attraverso il dialogo con i cittadini.

Ulteriori informazioni e approfondimenti sul fenomeno
“Mafia in Germania“ si trovano sul sito: http://kdl.cultura21.de/

PROGRAMMA
L’ingresso a tutti gli eventi è gratuito

Giovedì, 11 ottobre, ore 20:00
Serata cinematografica: I CENTO PASSI
Regia: Marco Tullio Giordana, Italia 2000, 114 Min.
Proiezione del film in originale con sottotitoli in tedesco.
Ambientato a Cinisi (Palermo), la storia racconta la crescita
politica di Peppino Impastato che negli anni ’70 si ribella alle
regole dell‘omertà mafiosa e viene brutalmente ucciso nel 1978.
Basandosi sulla storia autentica della famiglia Impastato, il
multipremiato film “I cento passi“ disegna l’intreccio tra mafia,
economia e politica locale. Una requisitoria cinematografica
toccante contro la mafia e un ritratto della generazione del ’68.
Durante la serata sarà presente Giovanni Impastato, fratello di
Peppino.
Ingresso a partire dalle ore 19:30.
Luogo: Filmclub 813 / Kino 813 in DER BRÜCKE
Al termine verrà offerto un aperitivo da Libera Terra e il
FairHandelszentrum Rheinland OHG (fra gli altri)

Venerdí, 12 ottobre, ore 20:00
Concerto con la band PEPPE VOLTARELLI dalla Calabria.
Voce ruvida, camicia rossa, braccialetto d’oro, capelli scompigliati
come dopo una notte d’amore e brani che parlano della nostalgia
dei migranti e dell’“amore“ – quanto Peppe Voltarelli recita non
si sa mai: fa sul serio o si diverte attraverso la caricatura del Latin
Lover meridionale? Il meglio dell’entertainment all’italiana!
Il gruppo è formato da Peppe Voltarelli (canto, chitarra), Italo
Adriani (Basso) e Paolo Bagnoli (batteria). Special Guest:
Alessandro Palmitessa (clarinetto).
Ingresso a partire dalle ore 19:30.
Luogo: Bürgerzentrum Köln-Kalk

Sabato, 13 ottobre, ore 15:00-19:00
Dibattito pubblico: Mafia in Germania – Forme, conseguenze,
controstrategie.

Referenti:
• Sonia Alfano, deputata europea, Presidente della Commissione
Europea sulla criminalità organizzata, la corruzione e il
riciclaggio di denaro.
• Egbert Bülles, ex-procuratore generale di Colonia.
• Francesco Galante, portavoce, iniziativa “Libera Terra”, Corleone.
• Bianca Negri, “Mafia? No grazie“, Berlino.
• Dario Riccobono, portavoce, iniziativa “AddioPizzo”, Sicilia.
• Jürgen Roth, giornalista investigativo, autore.
• Roberto Scarpinato, procuratore generale presso il pool
antimafia di Palermo, direzione del Dipartimento MafiaEconomia.
• Peppe Voltarelli, musicista, Calabria.
Moderazione: Agnese Franceschini, Radio Colonia WDR
Ingresso a partire dalle ore 14:30.
Durante l’incontro sarà disponibile una traduzione bilingue.
Luogo: Polizeipräsidium Köln-Kalk

One thought on “Mafia in Germania. Forme, conseguenze, controstrategie. 11-13 ottobre 2012 Colonia

  1. Voglio sperare che l’Europa si unisca politicamente in modo da varare leggi serie e severe contro la criminalità organizzate e contro tutte le mafie. Al contrario se si dovesse sfasciare ed ogni stato rientrerà con le proprie istituzioni, noi Italiani onesti per colpa delle “mafie” faremo la fine che fecero gli ebrei durante il nazismo.

Comments are closed.