Sei qui:  / Articoli / Informazione / Iniziative Articolo21 / Il giornalista Paolo Borrometi nuovo garante per la legalità di Articolo 21

Il giornalista Paolo Borrometi nuovo garante per la legalità di Articolo 21

 

Il giornalista Paolo Borrometi è il nuovo garante per la legalità dell’Associazione Articolo 21. L’ufficio di presidenza di Articolo 21, ha affidato la delega per la legalità a Borrometi, giornalista minacciato dalla mafia, che da un anno è costretto a vivere sotto scorta. L’associazione, impegnata dal 2002 per la libertà di informare e di essere informati, ha da anni al centro della sua attenzione la complessa questione delle mafie e del contrasto alle organizzazioni mafiose nel nostro paese, supportando in tutti i modi gli operatori della comunicazione minacciati, ricattati o sottoposti ad una nuova forma di “ricatto legale” attraverso le querele temerarie.

“Siamo grati a Borrometi di aver accolto la proposta di rappresentare la nostra associazione sulle questioni riguardanti mafie e legalità – hanno dichiarato in una nota Barbara Scaramucci ed Elisa Marincola, presidente e portavoce di Articolo 21 – Borrometi è un giovane cronista coraggioso che ha messo a rischio la propria vita per denunciare il malaffare nella sua città, tanto da meritarsi il titolo di cavaliere al merito della Repubblica, conferitogli dal capo dello Stato Mattarella”.

Le sue inchieste hanno contribuito ad avviare un’indagine sfociata nel commissariamento del comune di Scicli per infiltrazioni mafiose. Borrometi sarà chiamato a testimoniare il prossimo 19 settembre presso il tribunale di Ragusa nel processo contro i responsabili delle violenze e delle minacce al suo indirizzo, processo che vede per la prima volta la Federazione Nazionale della stampa costituirsi parte civile al fianco di un giornalista minacciato. In quella data Articolo 21 sarà presente a Ragusa a fianco di Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario e presidente Fnsi, per testimoniare totale solidarietà e dare un segnale a chiunque, a Ragusa come altrove, si illuda di poter intimorire e chiudere la bocca a un cronista con la schiena dritta che non è solo ma ha accanto tantissimi colleghi e cittadini.

“Grazie alla sua esperienza e alla sua determinazione – prosegue il comunicato – Paolo Borrometi saprà coordinare nel modo più corretto e approfondito il nostro impegno associativo, allargato a giuristi, avvocati, esperti che insieme a noi lavorano per denunciare e contrastare la criminalità organizzata e nel costruire legalità, anche facendo rete con le altre organizzazioni attive in questo settore, come è nostra pratica costante.”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE