Sei qui:  / Articoli / Informazione / Il caso Erri De Luca. In principio era il Verbo e il Verbo fu processato

Il caso Erri De Luca. In principio era il Verbo e il Verbo fu processato

 

Padroni della parola finché ammansita nella bocca, schiavi quando, libera, se ne diparte. Un aforisma talmudico che collima sensibilmente con l’esperienza dello scrittore Erri de Luca, processato mercoledì 28 Gennaio e rinviato a giudizio per aver pubblicamente espresso il proprio radicale dissenso nei confronti della costruzione di un Treno ad Alta Velocità in Val di Susa.

Per lo scrittore l’impegno politico non è una faticosa emersione dalla quiescenza letteraria, ma una presa di posizione perentoria ed irrinunciabile. Anni fa si era già schierato per una sensibilizzazione ed un intervento nella questione degli sbarchi a Lampedusa, periodo in cui i quotidiani esibivano in prima pagina le vite morte e non gli affari istituzionali. Questa volta, però, il suo gesto si è rivelato ben più oneroso.

“La Tav va sabotata. Ecco perché le cesoie servono: sono utili a tagliare le reti”. Queste la dichiarazione pubblica che ha determinato l’accusa per istigazione a delinquere, indicando le sue parole come un alibi a cui i terroristi della Tav potrebbero appellarsi. Post hoc, ergo propter hoc. Ma nella fattispecie, non c’è proprio nessun post hoc: nessun crimine, nessun istigato. “Si tratta di  un’accusa astratta di fronte alla quale lo Stato non si è nemmeno dichiarato parte civile”, afferma de Luca.

Com’era prevedibile, il processo si dispiega all’insegna dell’atipicità: nessun ricorso in caso di accusa, aule gremite di #iostoconerri e la posizione dell’accusato espressa con fierezza nella roccaforte della letteratura tramite il pamphlet “la Parola Contraria”, una risoluta apologia dei civili valsusini che recita: “l’utopia non è il traguardo ma il punto di partenza. Si immgina e si vuole realizzare un luogo che non c’è ancora. La Val di Susa si batte dal tempo di una generazione per il motivo opposto: perché il luogo ci sia ancora.”

Piuttosto che un attentato, il sabotaggio della Tav sarebbe interpretabile come una forma di legittima difesa. Il treno, che non è affatto ad alta velocità perché il risparmio effettivo nella tratta Torino-Lione sarebbe a malapena di un’ora, determinerebbe una perforazione di una roccia amiantifera che, oltre alla lacerazione ambientale, costituirebbe una seria minaccia per la salute di tutti i valsusani. Un effettivo risparmio di qualche ora di viaggio al prezzo di qualche decennio di vita.

Erri ha negato più volte che la sua violenza sia in qualche modo accomunabile a quella della strage di Parigi, tuttavia entrambi gli eventi spingono intransigentemente ad una riflessione sulla Libertà ed il suo necessario intreccio con la parola, come se nella manifestazione dell’una la silenziosa epifania dell’altra fosse inevitabile.

Oggi la parola è il baratto senza prezzo di una promessa. L’abuso dell’attualità ed il suo asservimento politico ne hanno fatto un indiscriminato oggetto di mercato, un’elemosina della cieca speranza, un metro di esercizio del potere e dell’autorità. Ma la parola, che scagiona ogni significato dalla sua clausura nel Nulla, è intimamente più nobile. Essa è un giuramento nell’atto stesso del proferimento, un debito con l’eternità, il solo termine che consenta un significato al silenzio, come educazione all’ascolto di ogni latente verbalità potenziale. Il potere della parola si staglia sull’insensatezza e, incontenibilmente, crea. Nella Genesi, Dio non decise: disse.

La parola è una sottrazione costante e necessaria alle catene della proprietà che si riversa nel comunismo pubblico. La parola ospita, accomuna, lega e anche nel più profondo isolamento non è vittima della solitudine.

Erri De Luca ha accolto tutto questo intraprendendo la via della letteratura e stipulando un giuramento mai tradito con l’eternità del Verbo. Dall’esordio undicenne, si formò “leggendo un camion di libri, affacciandosi al balcone, ascoltando le storie dei vecchi”. Armato di questo corredo di umanità, egli incarna il ruolo di un intellettuale impegnato, l’unico che, lontano da ogni servilismo o privilegio, adopera la propria visibilità pubblica per farsi voce degli ultimi, gli inascoltati, le Anime Salve, avrebbe detto qualcuno.

Il suo processo è “un premio letterario”, perché nel condannare la parola deve necessariamente riconoscerne il significato e la potenza creativamente sovversiva. Ma il processo ad Erri de Luca è anche un processo alla Parola nella sua integrità. Il processo ad Erri de Luca, incosciente della violenza verbale esercitata pubblicamente ogni giorno, è un processo all’Articolo 21 e, con esso, ad ogni strenuo sostenitore di una riconciliazione fra le parole e le cose e dell’inattaccabile primato della Libertà. Affermiamo senza compromesso quella che non è solo “libertà di parola, ma dovere di parola”, assolvendo fra tutti i compiti il più impegnativo: il dovere della Libertà.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE