Sei qui:  / Blog / E’ morto Zygmunt Bauman, teorico della “società liquida”

E’ morto Zygmunt Bauman, teorico della “società liquida”

 

Aveva 91 anni. E’ stato uno dei massimi intellettuali contemporane, teorico della “società liquida”. Sant’Egidio: se ne va un visionario dei nostri tempi

 

Zygmunt Bauman
Zygmunt Bauman

Roma – Se ne è andato a 91 anni il sociologo e filosofo polacco Zygmunt Bauman. Nato a Poznan nel 1925, Bauman è stato uno degli intellettuali più eminenti, prolifici e amati del Novecento, attivissimo anche negli anni Duemila e fino agli ultimi giorni della sua vita. E’ sua la definizione più azzeccata dell’epoca contemporanea, quella di ‘società liquida’.  Bauman sosteneva che il nostro tempo fosse del tutto indescrivibile secondo le categorie tradizionali, essendo caratterizzato principalmente dall’incertezza dovuta al crollo delle ideologie, al consumismo, alla mutevolezza dei valori, a una serie di variabili che rendono l’Uomo non più attore della società, ma soggetto passivo che ne subisce i cambiamenti repentini, diventando fragile come mai prima nella Storia. Un Uomo che, nell’era della post-modernità, è diventato consumatore prima di ogni altra cosa. Bauman scampò alla Shoah – era di origini ebraiche- riparando in Russia. Di lì riuscì a tornare in Polonia e quindi a emigrare verso l’Inghilterra, dove ha insegnato per decenni. E dove è morto oggi, a Leeds.

La Comunità di Sant’Egidio lo ricorda come un “grande intellettuale che con profondità ha saputo interpretare i grandi cambiamenti della società contemporanea, ma anche come un fine umanista impegnato sulla frontiera del vivere insieme”. “Viva è la memoria della sua partecipazionie agli ultimi incontri internazionali, promossi da Sant’Egidio nello “spirito di Assisi”, – ricorda l’associazione – in cui espresse con convinzione la visione di un dialogo necessario tra laici e credenti per la costruzione della pace e di una società più inclusiva. Come fece anche nel settembre scorso, quando, nell’ambito del trentesimo anniversario dell’incontro voluto nel 1986 da Giovanni Paolo II, ebbe anche un colloquio privato, proprio ad Assisi, con Papa Francesco. Con Bauman se ne va un visionario dei nostri tempi, capace di guardare al futuro dell’Europa e del mondo” (DIRE/RS)

Da redattoresociale

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*