Sei qui:  / Blog / Disinformazione. Zanzu: il disegno della coppia mista che ad alcune testate proprio non va giù

Disinformazione. Zanzu: il disegno della coppia mista che ad alcune testate proprio non va giù

 

Online un portale tedesco, Zanzu.de, che promuove l’educazione sessuale e affettiva in 12 lingue. Ma siti e testate lo riducono a un manuale per “educare i migranti ad accoppiarsi con l’Europee”

Zanzu – Il mio corpo in parole e immagini” è un portale per la promozione dell’educazione sessuale e affettiva creato dal Centro federale tedesco per l’educazione alla salute (ramo del ministero della Salute tedesco) e dal Centro fiammingo per la salute sessuale.

Lo troviamo in questi giorni su alcune testate italiane, trasformato in qualcosa di diverso: «Il governo tedesco ha inaugurato una pagina web esplicitamente illustrata dedicata esclusivamente a promuovere il sesso interrazziale tra “rifugiati” non bianchi e persone europee», scrive il Giornale in «Ecco il manuale che spiega ai migranti come fare sesso con le donne europee».

La stessa notizia è ripresa da Libero in «Istruzioni di sesso per profughi. Berlino apre un sito per spiegare come accoppiarsi con le europee: “Lo stupro è vietato”», che definisce il progetto «una pagina web sull’accoppiamento interrazziale».

Eppure, navigando nelle varie sezioni che compongono Zanzu, non troviamo nulla del genere.

Un manuale, sì, ma per tutti

1) Il sito è diviso in sei sezioni: sul corpo, che va dall’anatomia all’igiene; sulla costruzione di una famiglia e sulla gravidanza, nella quale si parla, tra i vari aspetti, di contraccezione, gestazione, parto e difficoltà post-parto; sulle infezioni, in cui si promuove la prevenzione e si illustrano le malattie a trasmissione sessuale; sui diritti e la legge, in cui ci si sofferma sulle coppie di fatto come sull’adozione, sulla pornografia come sulla prostituzione, sulla violenza sessuale come sulle mutilazioni genitali; sulle relazioni e i sentimenti, nella quale si scrive di uguaglianza e rispetto, di problemi di coppia come la gelosia e la routine e di molto altro ancora.

Infine c’è la sezione sulla sessualità, complessa e sfaccettata come e più delle precedenti analizza il tema da molte angolazioni: dalla perdita della verginità alle varie tipologie di sesso, dalla masturbazione al piacere sessuale.

Su una cosa – una sola – il Giornale e Libero hanno ragione: nel definire Zanzu un manuale. Si tratta infatti proprio di questo: un manuale online ampio e complesso, che deve essere considerato nella sua interezza. Metterne in evidenza solo le parti che servono a dimostrare una certa tesi equivale a disinformare e strumentalizzare i contenuti del progetto stesso.

2. Proprio, in “Tipologie di sesso”, secondo il Giornale e Libero, il vero obiettivo si rivela: «utilizzando solo immagini che ritraggono scene di sesso tra neri e bianche, vengono illustrati agli immigrati (e non ai tedeschi) i termini ai quali si devono attenere per avere dei rapporti sessuali con delle persone europee».

Siamo sicuri che si tratti dello stesso sito? Perché in questa come nelle altre sezioni di Zanzu troviamo coppie di ogni tipo, esattamente come quelle qui a fianco. C’è, sì, il disegno di un uomo nero e di una donna bianca così come quello del caso contrario, di coppie bianche e nere, etero e omosessuali.

In una società multietnica, anche i rapporti sessuali e affettivi lo sono; non esiste quindi motivo per cui dovrebbero essere rappresentati diversamente.

3) A turbare il Giornale, oltre al disegno di cui abbiamo scritto poco sopra, altri elementi: «non mancano disegni espliciti, tra cui quello di un uomo scuro (e nudo) che abbraccia una donna bianca senza veli mentre entrambi sono distesi a letto. Il sito è disponibile in dodici lingue, tra cui il turco e l’arabo».

È vero, il linguaggio usato, anche a livello visivo, è elementare e esplicito, comprensibile a tutti: quello che ci si aspetta da un progetto che promuove l’educazione sessuale e affettiva rivolgendosi a un pubblico di adulti eterogeneo. Lo dimostra il fatto che – come nota lo stesso Giornale – il portale sia tradotto in dodici lingue; oltre al turco e all’arabo – le uniche citate nell’articolo – le altre dieci sono: tedesco, inglese, francese, russo, bulgaro, polacco, albanese, romeno, spagnolo e olandese.

4) I contenuti del sito sono stati approvati da un consiglio internazionale di esperti nel campo della salute sessuale e riproduttiva, inclusi rappresentanti dell’Organizzazione mondiale della sanità. L’obiettivo è quello di diffondere e promuovere una cultura della consapevolezza e del rispetto in ambito sessuale, riproduttivo e affettivo tra tutti coloro che si trovano, permanentemente o temporaneamente, in Germania.

Se però il web inizia a dipingere il sito come “guida al sesso con europee per migranti (neri)“, c’è chi decide di rifarsi a esso, dimenticando le fonti ufficiali e riscrivendone lo scopo. Così sul Giornale Zanzu diventa il «tentativo di “educare” i nuovi arrivati alle abitudini sessuali dell’Occidente».

Stereotipi e hate speech

Non è difficile capire, tuttavia, perché Zanzu sia stato trasformato in qualcosa che non è: lo stereotipo dell’uomo nero sessualmente aggressivo e dominante è radicato e si fa strada facilmente nella mente di chi legge, catturandone l’attenzione. Se lo si applica all’arrivo di rifugiati e migranti funziona ancora meglio.

Le conseguenze della diffusione irresponsabile di informazioni sbagliate sono, però, reali. Chiudiamo quindi, con alcuni dei tanti commenti scaturiti da questo tipo di disinformazione: discorsi d’odio basati su genere, orientamento sessuale, religione, razza. Chiudiamo, quindi, con alcuni esempi qui a fianco.

Da cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE