Sei qui:  / Blog / Una ”Battle Cross” anche per i giornalisti decapitati?

Una ”Battle Cross” anche per i giornalisti decapitati?

 

La decapitazione del giornalista americano, James Foley , per mano dei membri del cosiddetto Stato Islamico ha sollevato un’ondata di indignazione: tra i nomi che hanno reso omaggio al fotoreporter selvaggiamente ucciso, quello di Gary Varvel , autore di fumetti, il quale ha pubblicato un disegno su  indystar.com.
Su Culturevisuelle, Patrick Peccatte ricostruisce i meccanismi di costruzione di immagini legate in qualche modo alla guerra e la diffusione che alcuni dispositivi iconografici hanno avuto al di là del campo bellico… Continua su lsdi.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE